NEWS

FLORIM AIUTA I LAVORATORI IN DIFFICOLTA’

I dirigenti e gli amministratori Florim si riducono stipendi e compensi per aiutare i lavoratori in cassa integrazione e l’azienda partecipa con ulteriori risorse per un complessivo di 400 mila euro.

In uno scenario mondiale dominato dall’incertezza, il senso di responsabilità e i valori etici hanno un’importanza ancora maggiore per la comunità. E’ questo lo spirito con cui gli amministratori e i dirigenti di Florim, multinazionale italiana produttrice di lastre in gres porcellanato, hanno deciso di devolvere parte della propria retribuzione a favore dei lavoratori in cassa integrazione.

Per noi dirigenti questa iniziativa non è una novità – afferma Giovanni Grossi, CFO e Consigliere Delegato del Gruppo; Come avvenne nel 2009, anche adesso abbiamo pensato che ci fossero gli elementi per dare nuovamente un segnale di solidarietà ai nostri colleghi più colpiti e non c’è voluto molto a trovare tutti d’accordo: dirigenti, amministratori e azienda. Questo è lo spirito della Florim.”

L’adesione all’iniziativa, cominciata con la mensilità di aprile e prevista fino a giugno 2020, è su base volontaria e ha trovato l’immediato consenso di tutti i dirigenti e degli amministratori del Gruppo. La proposta del management è stata accolta con favore dalla proprietà che ha garantito il supporto dell’azienda con ulteriori risorse, al fine di portare a 400 mila euro la somma da distribuire. Già nei prossimi giorni verranno effettuate le prime erogazioni attraverso la Fondazione Ing. Giovanni Lucchese.

Il Presidente Florim - Claudio Lucchese – conferma: “L’iniziativa si inserisce nelle più ampie attività della Fondazione Ing. Giovanni Lucchese che nasce con la volontà di supportare il territorio. Mai come in questo momento ci siamo sentiti in dovere di aiutare le famiglie in difficoltà e il sistema sanitario locale, e apprezzando con orgoglio la grande solidarietà e partecipazione manifestata da amministratori e dirigenti, ho ritenuto doveroso che anche la Florim partecipasse con proprie risorse”.

Il progetto si aggiunge alle varie iniziative già promosse dall’azienda in materia di sostenibilità economica, ambientale e sociale, riepilogate puntualmente nel Bilancio di Sostenibilità, redatto da dodici anni in conformità con le linee guida internazionali GRI Standards.

Fiorano Modenese, 04/06/2020

Scopri le altre news

Carica altri articoli
2020-06-04T10:24:56+02:00
Torna in cima