Una vittoria e una menzione per Caesar al concorso “La Ceramica e il Progetto 2019”

Due importanti riconoscimenti a Ceramiche Caesar per il valore progettuale conferito dai propri prodotti ceramici made in Italy a importanti realizzazioni sul territorio

Fiorano Modenese, luglio 2019. Due progetti, due riconoscimenti, un unico importante risultato: il grès porcellanato Caesar è conferma di elevati standard qualitativi ed estetici, oltre che di consolidato e riconosciuto know how “made in Italy”.

L’azienda di Fiorano Modenese diventa protagonista con due realizzazioni nel concorso “La Ceramica e il Progetto 2019”, indetto da Confindustria Ceramica e Cersaie per l’ottavo anno consecutivo al fine di premiare le migliori referenze architettoniche realizzate in Italia con piastrelle Made in Italy.

La ristrutturazione della stazione ferroviaria di Elmas, in Sardegna, curata dall’architetto Marco Tradori, è stata selezionata quale vincitrice nella categoria “Istituzionale” grazie alle alte performances qualitative dei prodotti e alla capacità di mantenere un forte legame estetico con il territorio sardo, riprendendone le calde cromie in modo elegante e contemporaneo. E proprio in quest’ottica è stata essenziale la versatilità tipica della ceramica Caesar che, con l’ampia gamma di prodotti, ha saputo offrire la giusta soluzione dove bellezza, naturalezza e funzionalità fossero allineate ai migliori livelli.

Un importante riconoscimento è stato conferito anche al progetto relativo all’Hotel CampZero a Champoluc (AO), in Valle d’Aosta, che ha ricevuto una menzione speciale nella categoria “Commerciale”. Qui la filosofia progettuale che ha guidato lo studio di architettura BLADIDEA ha trovato in Caesar il partner ideale per vestire con eleganza e funzionalità gli spazi della struttura – hall, camere, bagni, piscine, skiroom, locali di servizio, e tanto altro ancora -, sfruttando la vasta gamma di look e formati disponibili delle serie in gres porcellanato made in Italy.