BMR USA: L’AFFERMAZIONE DELLA TECNOLOGIA NEGLI USA

Grazie al crescente sviluppo della sede di Crossville BMR USA, l’azienda leader nella
tecnologia per la finitura ceramica sigla importanti installazioni nel mercato americano,
consolidando il valore del made in Italy.

All’interno del mercato ceramico statunitense, BMR continua a consolidare la sua posizione grazie alla sede di Crossville, nel Tennessee, inaugurata nel 2017 dopo una prima apertura a Dickson.
Qui nella ceramic valle made in USA, BMR USA si pone quale vero e proprio polo logistico rifornito di un’ampia gamma di ricambi che consente di gestire forniture e richieste di assistenza tecnica in tempi ancora più rapidi ed efficienti. La recente realizzazione dell’officina abilitata alla rigenerazione dei mandrini di squadratura e, a breve, anche di lappatura, consente inoltre di arricchire l’offerta dei servizi per le aziende del distretto, molte delle quali italiane, che fino ad ora erano resi proibitivi dai costi di trasporto da e verso l’Italia.R è quindi percepito come un vero plus e consente di consolidare ulteriormente il legame tra l’azienda di Scandiano e le più importanti realtà ceramiche in USA.
Un esempio di rilievo è rappresentato da Florim che, nel proprio sito produttivo di Clarksville-Tennessee, ha installato una linea di lappatura a campo pieno e trattamento antimacchia affidandosi alla tecnologia BMR delle rispettive macchine LevigaPlus e Supershine. L’impianto Florim USA è stato completato con una linea di taglio e squadratura composta da Dry Cut e Top Squadra Dry, integrata di recente da una seconda identica.

Il valore della sede americana di BM

Anche StonePeak Ceramics sceglie BMR e lo fa siglando con l’azienda di Scandiano (RE) l’installazione del primo impianto in USA dedicato alla fornitura delle grandi lastre e dei suoi sotto formati. L’importante complesso produttivo nato nel 2005 proprio a Crossville che registra una produzione di piastrelle che si aggira sui 6 milioni di mq/anno, ha acquistato da BMR tre linee di finitura composte da 2 linee di squadratura e una di lappatura con isola di trattamento, tutte dedicate ai grandi formati 1600×3200 mm.

Si tratta di un’ulteriore affermazione del valore della ceramica made in Italy nel mercato americano, dove estetica e tecnologia sono garanzia dei migliori standard qualitativi riconosciuti in tutto il mondo.