Saturnia fa da apripista alla rivoluzione SACMI nella decorazione tableware

Collaudata e avviata con successo la nuova DHD708 di SACMI-Intesa per il digital printing del piatto direttamente in linea. Tra i vantaggi, altissima risoluzione della decorazione e gestione della produzione con una logica pull

Specializzata nella produzione di servizi da tavola per la ristorazione e l’uso domestico, Saturnia rappresenta un’eccellenza italiana e, allo stesso tempo, una delle principali realtà europee del settore. Radici profonde – la fondazione risale al 1966 – l’azienda viterbese ha saputo scommettere sul futuro investendo, già dagli anni Novanta, sul settore della produzione di articoli in porcellana, avvalendosi di una partnership industriale costante con il Gruppo SACMI per la fornitura delle più moderne soluzioni tableware ad alto contenuto di tecnologia.

Tra queste, la rivoluzionaria soluzione SACMI-Intesa che consente la decorazione digitale, direttamente in linea e ad alta velocità, di piatti piani – e superfici piane assimilabili – con risoluzione fino a 1200 dpi (in pratica, la risoluzione di una fotografia), e con velocità produttive da 20 a 40 pezzi al minuto (a seconda della risoluzione prescelta). Vantaggio decisivo della nuova DHD708 SACMI Digital – presentata in anteprima a Tecnargilla 2018 e già collaudata e in produzione presso Saturnia – è quello di realizzare una vera e propria innovazione di processo riducendo le economie di scala e consentendo di rispondere in tempo reale alle richieste dei clienti con soluzioni personalizzate, secondo una logica pull.

Dotata di 6 barre colore, la macchina può applicare decorazioni digitali personalizzate (ad esempio, sui piatti pizza, il logo del ristorante, un particolare disegno grafico, ma anche immagini molto più complesse di qualità fotografica) con una distanza massima tra le testine e la superficie di stampa di 20-25mm. La larghezza utile di stampa sino a 451 mm (400 mm per il piatto) consente di gestire ogni tipologia e forma di piatto e superficie piana, con il vantaggio del sistema di visione SACMI che identifica in modo automatico la posizione e garantisce la perfetta centratura del piatto prima della decorazione.

Prima soluzione nel suo genere in ambito tableware, DHD708 si distingue da tecnologie alternative per l’altissima risoluzione utile, mandando potenzialmente in soffitta, per queste tipologie di prodotti, sia la tradizionale tecnica della decalcomania, sia la necessità di ricottura in terzo fuoco (l’applicazione della decorazione avviene direttamente sullo smalto in crudo, con successiva applicazione di una copertura cristallina che conferisce al piatto opportuna lucentezza dopo l’avviamento del prodotto al forno).

Frutto della fattiva collaborazione tra il team Saturnia e i tecnici SACMI, il successo della soluzione apre la strada a nuove opportunità anche dal punto di vista del marketing. Con DHD708 è infatti possibile sviluppare, in tempi rapidi e costi limitati, piccoli lotti di prova da sottoporre ai clienti, coniugando in questo modo la migliore qualità e tradizione della porcellana italiana con le moderne esigenze di gestione e promozione del brand.