RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI: LE LINEE GUIDA UNI-FONDAZIONE SODALITAS DIVENTANO INTERNAZIONALI

Con la presentazione della “Prassi di riferimento” all’ISO, arriva dall’Italia un contributo all’efficace applicazione di uno degli standard di riferimento più significativi a livello internazionale in materia di Responsabilità sociale

Milano, 25 maggio 2017 – La “Prassi di riferimento” messa a punto nel nostro Paese nel 2016 per l’applicazione della norma UNI ISO 26000 sulla responsabilità sociale, è stata tradotta in inglese e presentata ufficialmente all’ISO, l’Organizzazione mondiale di normazione, quale esempio di attività di normazione nazionale, con l’auspicio che le buone pratiche attuate a livello italiano possano essere condivise ed applicate da tutte le organizzazioni che a livello mondiale si stanno cimentando nel difficile compito di integrare la responsabilità sociale nelle proprie strategie ed attività.

La “Prassi di riferimento” è il frutto di un Tavolo di lavoro promosso da Fondazione Sodalitas, l’organizzazione di riferimento per la Sostenibilità d’impresa in Italia a cui aderiscono oltre 100 aziende leader, e UNI, l’Ente Italiano di Normazione impegnato da quasi 100 anni nell’elaborazione di norme tecniche volontarie, con la collaborazione di INAIL (che da sempre considera la UNI ISO 26000 e la Prassi di riferimento strumenti di miglioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro) e di quattro primari istituti di certificazione – Bureau Veritas Italia, Certiquality, DNV GL, SGS Italia.

La Prassi fornisce linee-guida metodologiche a supporto dell’applicazione della UNI ISO 26000, con particolare attenzione agli aspetti della materialità (materiality), della responsabilità di rendere conto (accountability) e del coinvolgimento dei portatori di interesse (stakeholder engagement).  In essa sono proposte soluzioni operative destinate alle organizzazioni che intendono trattare il tema della responsabilità sociale applicando i principi ed affrontando i temi fondamentali descritti nella UNI ISO 26000, integrando la Responsabilità Sociale nella propria strategia. Il documento fornisce inoltre indicazioni utili per la governance delle organizzazioni nell’adozione di un approccio olistico, sistematico ed integrato alla Responsabilità Sociale.

La Responsabilità Sociale è un principio che ha sempre maggiore diffusione e presa nell’attenzione degli operatori economici, oltre che negli interessi e nella sensibilità delle persone. – ha affermato Piero Torretta, Presidente UNIE’ la sintesi del ruolo della normazione: il “fare bene le cose”; una modalità di operare e di essere che dalla qualità del prodotto si amplia alla qualità del processo, al rispetto dei diritti delle persone e alle garanzie sulle tutele dell’ambiente. Aspetti che nel mondo globale possono avere diverse declinazioni e applicazioni nei luoghi e nelle valutazioni soggettive delle persone. Ecco perché è importante identificare e condividere uno standard che costituisca un punto di riferimento universale. Questo è l’obiettivo che UNI si prefigge con la presentazione della Prassi di Riferimento sulle Linee Guida UNI alla norma UNI ISO 26000.”

Ha dichiarato Adriana Spazzoli, Presidente di Fondazione Sodalitas: Ogni strategia aziendale di Sostenibilità può generare risultati e impatto solo se poggia su valori autentici e viene attuata attraverso standard affidabili. Fondazione Sodalitas si è impegnata a realizzare la Prassi di riferimento insieme a UNI e agli altri partner proprio per mettere a disposizione di tutto il mercato linee-guida efficaci. Condividere questa esperienza a livello internazionale è un passaggio importante per raggiungere l’obiettivo”.