PREMIO LUCCHESE – XXXII EDIZIONE

“L’INNOVAZIONE COME MOTORE DI UN MONDO CHE SOGNIAMO MIGLIORE”Assegnate oggi in Florim Gallery 9 borse di studio agli studenti dell’IIS A. Volta di Sassuolo

Si è svolto  sabato 11 maggio l’appuntamento annuale con il Premio
Lucchese, giunto alla trentaduesima edizione. Promosso dall’omonima Fondazione, il Premio è
intitolato alla memoria dell’Ing. Giovanni Lucchese, padre dell’attuale Presidente di Florim Dr.
Claudio Lucchese e fondatore di Floor Gres.
Sono 9 le borse di studio assegnate quest’anno agli studenti dell’Istituto di Istruzione
Superiore “Alessandro Volta” di Sassuolo che, a conclusione dello scorso anno scolastico,
hanno conseguito il diploma di maturità con il massimo dei voti.
L’incontro – condotto come di consueto dal giornalista e scrittore Leo Turrini – ha
approfondito il tema de “L’innovazione come motore di un mondo che sogniamo
migliore”. Da sempre la creatività dell’individuo si traduce, quando aspira al bene comune, in
una crescita della società. Sotto lo sguardo attendo di una platea di giovani ascoltatori, nel
suo intervento Turrini ha toccato nomi importanti di ieri e di oggi: figure solo in apparenza
troppo distinte e distanti tra loro come Leonardo Da Vinci, Neil Armstrong e Charles
Leclerc.
Il Premio – organizzato in collaborazione con la Società Ceramica Italiana – si inserisce nel
nutrito calendario di iniziative ed eventi promossi dalla Fondazione Ing. Giovanni Lucchese
che focalizza i suoi sforzi a sostegno del territorio.
I premiati di quest’anno sono stati:
Serena Giberti (100/100 e lode) – Sara Tincani (100/100 e lode) – Marco Bandini (100/100)
– Lorenzo Bechelli (100/100) – Samuele Benassati (100/100) – Gianluca Depalma
(100/100) – Federico Massaro (100/100) – Beatrice Pellesi (100/100) – Dalila Zecchini
(100/100)
Fiorano Modenese,