IRIS CERAMICA GROUP SPONSOR TECNICO DEL PADIGLIONE ITALIA ALLA 16. MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA DELLA BIENNALE DI VENEZIA

Iris Ceramica Group debutta alla Biennale di Venezia come sponsor tecnico del Padiglione Italia. Una scelta animata dalla volontà di celebrare una tra le più prestigiose vetrine internazionali dedicate all’architettura e dalla condivisione dei valori che animano il progetto Arcipelago Italia, curato dall’arch. Mario Cucinella.

Iris Ceramica Group, leader mondiale nel design, nella produzione e nella distribuzione di prodotti ceramici di alta gamma, debutta alla 16. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia in qualità di sponsor tecnico del Padiglione Italia, curato dall’architetto Mario Cucinella.

“Arcipelago Italia. Progetti per il futuro dei territori interni del Paese”. Questo il titolo del Padiglione Italia alla Biennale 2018, dedicato allo spazio urbano che corre lungo la dorsale italiana e, più in particolare, su cinque aree d’intervento specifiche che diventano simboli tangibili del rilancio dei territori interni al Paese. Obiettivo finale quello di definire un possibile approccio futuro che metta in relazione architettura e paesaggio, riflettendo sul ruolo della disciplina nel processo di riqualificazione urbana.

Da sempre la Biennale riserva particolare attenzione a riflessioni che abbracciano trasversalmente differenti tematiche di natura sociale, etica e ambientale, prospettando inediti scenari che indagano le fondamenta della progettazione. Proprio grazie alla vocazione della kermesse veneziana e alla riflessione proposta quest’anno dal Padiglione Italia, Iris Ceramica Group ha deciso di sponsorizzare la manifestazione, dichiarando l’unione di intenti che accomuna l’azienda al lavoro dell’arch. Cucinella e più in generale, al Manifesto FREESPACE, redatto dalle curatrici Yvonne Farrell e Shelley McNamara.

“La nostra partecipazione alla realizzazione del Padiglione Italia, in seno a una delle manifestazioni internazionali di riferimento per il mondo dell’architettura, corrisponde esattamente, nelle premesse e nella visione, ai valori che caratterizzano l’identità e il lavoro del Gruppo. Un’opportunità che abbiamo accolto subito spontaneamente con grande entusiasmo.” – commenta così Federica Minozzi, CEO di Iris Ceramica Group. “La storia di Iris Ceramica Group, nello sviluppo dei diversi marchi, ha tenuto in grande attenzione, – da sempre e cioè fin dai tempi in cui questa sensibilità non era scontata-, le tematiche legate alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente quale cifre distintive della Holding, che, proprio nella conservazione e nella salvaguardia del territorio in cui opera, evidenzia i presupposti del proprio impegno. Sin dal momento della fondazione del nostro Gruppo, abbiamo accettato e portiamo avanti attivamente la sfida responsabile di uno sviluppo sostenibile per un futuro a “misura d’uomo”; questa vocazione aziendale trova massima espressione nel progetto Arcipelago Italia e nel lavoro di ricerca e progettazione dello studio MCA che offre un concreto spunto di riflessione nonché una analisi critica del ruolo etico e sociale dell’architettura nel processo di sviluppo e riqualificazione del territorio.”

 All’interno del Padiglione Italia, situato alle Tese delle Vergini all’Arsenale, i materiali Iris Ceramica Group daranno vita a una quinta lunga 10 metri composta da grandi lastre 300×100 cm in ceramica tecnica. La struttura sarà personalizzata grazie all’innovativa tecnologia di Gruppo “DYS – Design Your Slabs”, con un disegno, realizzato a mano dell’arch. Cucinella, che allestirà lo spazio, illustrando al pubblico il concept del progetto e le aree di intervento selezionate.

Mario Cucinella, racconta così la collaborazione tra la holding italiana e il suo studio: “Con Iris Ceramica Group ci lega una profonda comune visione sulla sostenibilità. Azienda impegnata fortemente su questo tema ha una lunga storia che nasce dagli anni 70 in cui la proprietà aveva già una visione chiara sul rapporto della produzione industriale e l’inquinamento. Oggi dopo quasi 50 anni questa visione è rimasta nel DNA di questa azienda ed ha trasformato questo problema in una opportunità non solo economica ma ambientale. Il futuro sarà sempre piu legato alla qualità delle materie, alla capacità che le materie avranno di svolgere un ruolo attivo nella riduzione dei consumi energetici e nella riduzione delle emissioni di CO2. Non è solo una logica attiva ma di filiera di produzione.

La coscienza ecologica all’interno di una logica produttiva è la chiave di successo e questo ci avvicina alla filosofia del mio studio. Nel percorso del Padiglione Italia questi temi ambientali sono profondamente legati anche ad una dimensione sociale ed etica. Raccontiamo un paese che nonostante le tante difficoltà ha un DNA potente dove sono racchiuse le radici della nostra cultura. Negli Appennini, nelle piccole città per secoli si è prodotta innovazione, cultura e paesaggio. Il modello italiano delle mille città, dove la vicinanza è sempre stata sinonimo di competitività di diversità ma anche di crescita culturale, è in qualche modo unico. Rapporto paesaggio e città, cultura ed economia locale sono di fatto un patrimonio da non disperdere ed è un antidoto alla globalizzazione intesa come un appiattimento culturale. Ad una visione economica va associata un’economia locale, una ridistribuzione delle risorse. In questo lavoro di ricerca di scoperta del paese abbiamo condiviso questi valori con Iris Ceramica Group.”

Iris Ceramica Group, da sempre attenta e orientata alla produzione di testimonianze culturali di grande spessore, sposa così il progetto Arcipelago Italia, convinta del fondamentale ruolo dell’architettura nel contribuire al miglioramento della vita dell’uomo e nell’attivare nuove forme di sviluppo sostenibile.